shanghai

Cina tra sfide e opportunità

Il Rapporto annuale elaborato dalla Fondazione Italia Cina analizza il mercato cinese, mettendone in luce scenari e prospettive per le imprese italiane. Molte le occasioni da cogliere per chi vuole investire, ma ... Continua

fabionodari

Mollo tutto e volo a Taiwan

Quando ha deciso di lasciare l’Italia e cambiare vita, Fabio Nodari, fotografo e travel blogger ha scelto Taiwan, luogo ideale da cui partire alla scoperta dell’Asia. In questi anni ha puntato il ... Continua

radio italia cina

Radio Italia Cina, stay tuned

Nasce a Prato la prima web radio italo-cinese. Un’iniziativa che punta a favorire l’integrazione. Il direttore e ideatore del progetto, Andrea Franceschini: «È un punto di incontro tra le due comunità e ... Continua

calcio

Il calcio cinese fa gol

Le squadre cinesi sono state le protagoniste della sessione invernale di calciomercato. Cifre record sborsate per nomi di alto livello dei campionati europeo e sudamericano. L’obiettivo della Cina? Diventare una potenza anche ... Continua

qipao

In qipao a primavera

Un gruppo di donne cinesi che vive in Italia si è data appuntamento al Colosseo portando la bellezza e lo stile cinese nel cuore di Roma. Tutte vestite nel tradizionale abito che ... Continua

Cina tra sfide e opportunità

shanghai

Il Rapporto annuale elaborato dalla Fondazione Italia Cina analizza il mercato cinese, mettendone in luce scenari e prospettive per le imprese italiane. Molte le occasioni da cogliere per chi vuole investire, ma sempre più importante è conoscere le dinamiche del Paese in transizione verso la nuova normalità. Crescono gli investimenti e i turisti cinesi in Italia

Gli investimenti cinesi in Italia continuano a crescere, ma anche la Cina offre ancora molteplici opportunità agli investitori italiani. Per coglierle e trarne i maggiori vantaggi è indispensabile però conoscere le dinamiche del mercato cinese. Non c’è spazio per l’improvvisazione. E il Rapporto annuale elaborato dal Centro studi per l’impresa della Fondazione Italia Cina (CeSIF), La Cina nel 2016. Scenari e prospettive per le imprese, rappresenta un valido strumento per comprendere a fondo la fase di transizione che il Paese sta vivendo, analizzare rischi e prospettive, valutando i settori su cui puntare e le modalità con cui entrare e muoversi nel mercato cinese. «Per lavorare con un Paese che vive una fase di transizione così importante, è quanto mai necessario essere in possesso di uno strumento conoscitivo, indispensabile per guidare le operazioni di chi oggi lavora a stretto contatto con la Cina, così come per chi ambisce a farlo – ha dichiarato il presidente della Fondazione Italia Cina, Cesare Romiti –. Alle difficoltà negli scambi commerciali corrisponde spesso un vero e proprio deficit culturale riguardo alla Cina, ed è per questo che la Fondazione porta avanti il suo impegno anche sugli aspetti formativi e informativi che riguardano il Paese».

DC Yihua Cup, sport e divertimento

DC cup

Si è svolto a Milano il torneo di calcio a sette promosso da Yihua sport, gruppo nato per iniziativa di ragazzi cinesi e impegnato nell’organizzazione di eventi sportivi per creare occasioni di incontro tra i cinesi di tutta Italia e non solo

Sono sempre più numerosi i cinesi appassionati di calcio. Anche in Italia. Mentre la Cina ha lanciato di recente un piano strategico per diventare una potenza sui campi di calcio entro il 2050, i cinesi in Italia si dedicano con grande entusiasmo e passione allo sport più praticato e seguito nello Stivale. Lo scorso 24 aprile si sono dati appuntamento a Milano per il torneo di calcio a sette DC Yihua Cup, promosso da Yihua sport, organizzazione nata nel giugno del 2015 da un’idea di un gruppo di ragazzi cinesi in Italia, quando con il sostegno del portale Huarenjie ha preso il posto di Asiansoccer, che da un paio d’anni organizzava tornei di calcio a 7, con l’obiettivo di dedicarsi anche ad eventi di altri sport.

Mollo tutto e volo a Taiwan

fabionodari

Quando ha deciso di lasciare l’Italia e cambiare vita, Fabio Nodari, fotografo e travel blogger ha scelto Taiwan, luogo ideale da cui partire alla scoperta dell’Asia. In questi anni ha puntato il suo obiettivo su Filippine, Giappone, Thailandia, Cina e Hong Kong. I suoi prossimi progetti? Immortalare i paesaggi della Cina e imparare il cinese

Un giorno si è detto: «Mollo tutto e cambio vita!». E non è stata una frase detta tanto per dire, come spesso capita a tanti di noi. Fabio Nodari, fotografo e travel blogger, l’ha fatto davvero. Destinazione Taiwan. Una meta ponderata, scelta prendendo in considerazione svariati fattori, come spiega nel suo blog (www.fabionodariphoto.com). Non solo il costo della vita e le strutture sanitarie, ma anche la sicurezza, lo stile di vita, il clima, il cibo, la lingua e la posizione. Perché quando si fa una scelta così radicale, non c’è spazio per l’improvvisazione. «Sono finiti i tempi in cui si sbarcava ad Ellis Island con la valigia di cartone. Oggi ci sono tutti gli strumenti per fare una scelta saggia e non gettare via inutilmente le nostre risorse», scrive Fabio in un post.

Radio Italia Cina, stay tuned

radio italia cina

Nasce a Prato la prima web radio italo-cinese. Un’iniziativa che punta a favorire l’integrazione. Il direttore e ideatore del progetto, Andrea Franceschini: «È un punto di incontro tra le due comunità e un mezzo per lanciare un messaggio positivo in favore dell’interazione»

Si chiama Radio Italia Cina e non poteva che nascere a Prato, città simbolo della presenza dei cinesi in Italia con oltre 30mila cinesi, pari al 20% della popolazione. È la prima web radio sino-italiana, ha avviato le trasmissioni il 14 marzo scorso e fin dalle prime settimane la risposta è stata positiva. «Prima di partire c’era parecchio scetticismo, molti sostenevano che una radio cinese non sarebbe stata ascoltata, basandosi sulla constatazione che i cinesi a Prato non ascoltavano la radio, ma questo succedeva semplicemente perché non esisteva una proposta radiofonica indirizzata a loro in modo specifico», ci racconta con una certa soddisfazione il direttore, Andrea Franceschini, che in questo progetto ha combinato la sua lunga esperienza in radio e la sua voglia di lavorare per l’integrazione e l’interazione tra italiani e cinesi che vivono nella città toscana. E i fatti gli stanno danno ragione. «Il progetto ha suscitato grande interesse e in questo primo periodo di programmazione ci siamo attestati tra i 1.300 e i 1.500 ascoltatori al giorno, che per una web radio sono numeri importanti».

Il calcio cinese fa gol

calcio

Le squadre cinesi sono state le protagoniste della sessione invernale di calciomercato. Cifre record sborsate per nomi di alto livello dei campionati europeo e sudamericano. L’obiettivo della Cina? Diventare una potenza anche sui campi di calcio. Con un tifoso d’eccezione: il presidente Xi Jinping 

Se per il calcio italiano la sessione invernale di calciomercato è considerata “di riparazione”, per il calcio cinese la situazione è ben diversa. In Cina, infatti, il campionato inizia nel mese di marzo, quindi le operazioni più importanti di trasferimento dei calciatori da una società all’altra avvengono proprio nel periodo immediatamente precedente alla riapertura del campionato. Ecco spiegato il motivo per il quale nell’ultima sessione di calciomercato, conclusasi a febbraio, i club cinesi si sono ritagliati un ruolo di primo piano, spendendo cifre molto più cospicue rispetto alle squadre europee. Con 170 milioni investiti nell’acquisizione di calciatori stranieri, le squadre della Chinese Super League e della China League One, prima e seconda divisione del campionato di calcio cinese, hanno confermato la tendenza emersa negli ultimi anni in cui gli investimenti per l’acquisto di calciatori sono lievitati, passando dai 100 milioni spesi complessivamente nel 2014 ai 170 nel 2015, fino alle cifre record dell’ultima finestra di calciomercato.

Powered by WordPress | Designed by: seo services | Thanks to credit repair, web design st louis and std testing